Tennis Best
Wimbledon, Day 5: piove di nuovo, si gioca solo sul Centrale
Le due facce della favola di Juan Martin Del Potro

Le due facce della favola di Juan Martin Del Potro

WIMBLEDON – Battendo Stan Wawrinka, l'argentino torna a vincere contro un top-10 dopo due anni di calvario. E' il protagonista di giornata, oggetto di titoli roboanti. Lo merita, ma è stato aiutato da uno svizzero in confusione, autore di un match scriteriato. La zona di tabellone si è aperta a tante soluzioni: al terzo turno sfiderà Lucas Pouille.

WIMBLEDON 2016: Ordine di Gioco di venerdì
TABELLONE MASCHILETABELLONE FEMMINILE

Tennis nella Middle Sunday? Forse

Tennis nella Middle Sunday? Forse

Nel primo pomeriggio, all’All England Club hanno annunciato che verrà discussa l’idea di giocare anche nella “Middle Sunday”, la domenica a metà torneo. È stata utilizzata solo tre volte, l’ultima dodici anni fa. E per gli appassionati le buone notizie potrebbero non finire qui…

L'altro miracolato di Wimbledon, le scuse di Tomic, la follia di Troicki...

L'altro miracolato di Wimbledon, le scuse di Tomic, la follia di Troicki...

WIMBLEDON, IL PUNTO – La vicenda di Matthew Barton non ha avuto la stessa risonanza di quella di Marcus Willis, ma è altrettanto affascinante. Ha incassato 56 ace, ma ha battuto l'ex “invalido” Albano Olivetti. Ferrer tocca il fondo, Fognini la tocca alla grande, Tomic si scusa, Troicki impazzisce.

Wimbledon Podcast - Venerdì 1 luglio 2016

Wimbledon Podcast - Venerdì 1 luglio 2016

70 minuti con Jacopo Lo Monaco, quasi tutti dedicati a Wimbledon. Dalla delusione della Muguruza fino alla favola di Marcus Willis (con tanto di somiglianze con il film "Wimbledon"). I top -players ricevono un trattamento troppo privilegiato rispetto agli altri. Entriamo nel mondo di CoCo Vandeweghe, poi ci occupiamo di Davis, Olimpiadi...e speranze olimpiche.

Caro Thiem, vedi cosa succede a giocare troppo?

Caro Thiem, vedi cosa succede a giocare troppo?

Forse esausto, soprattutto mentalmente, dopo la maxi-programmazione a cui si è sottoposto, Dominic cade al secondo turno di Wimbledon. Contro l'amico d'infanzia Jiri Vesely sparisce nei momenti importanti e si arrende in tre tie-break. Una sconfitta che dovrà servire da lezione, anche se pare che non l'abbia capita...

Muguruza, cos'hai combinato?

Muguruza, cos'hai combinato?

Grande sorpresa al secondo turno dei Championships: la vincitrice del Roland Garros incassa un'inspiegabile sconfitta contro Jana Cepelova: 22 errori gratuiti e un atteggiamento stralunato, quasi impaurito, l'hanno condannata. La parte bassa si apre a qualsiasi soluzione. Ride la slovacca, la tennista che...sa stare da sola.

La Schiavone si prende le Olimpiadi di Rio

La Schiavone si prende le Olimpiadi di Rio

L'ITF ha ufficializzato la lista degli ammessi ai Giochi: wild card per Francesca Schiavone, che giocherà sia in singolare che in doppio. Curiosa scelta della Commission Tripartita, che nel singolare femminile sceglie le stesse giocatrici di quattro anni fa. Ammessa Caroline Wozniacki, dentro “con riserva” Rafa Nadal (ma non ci saranno problemi).

Seppi, non è tempo di imprese

Seppi, non è tempo di imprese

Come da pronostico, Milos Raonic si rivela un avversario proibitivo per l’azzurro, sconfitto in tre set al secondo turno dei Championships. Seppi non ha particolari rimpianti: il match si è deciso in pochi frangenti, nei quali è emersa la superiorità del gigante canadese.

Fognini ci mette la testa (in tempo)

Fognini ci mette la testa (in tempo)

Fabio si complica tremendamente la vita contro l’argentino Delbonis: va sotto 2 set a 1, poi 3-0 al quinto, quindi finalmente torna in carreggiata. Gli basta un po’ di attenzione per vincere 6 giochi di fila e regalarsi il primo successo da sposato. Secondo turno intrigante con Feliciano Lopez.

Errani e Schiavone: match diversi, stesso risultato

Errani e Schiavone: match diversi, stesso risultato

Le azzurre cadono al secondo round dei Championships, battute rispettivamente da Alizè Cornet e Simona Halep. “Sarita” lotta per quasi due ore e mezza senza risultato, mentre la “leonessa” non entra mai nel match, salutando (il suo ultimo?) Wimbledon con un doppio 6-1. 

THE LIST
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS
  • 10

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    Si chiama Rufus, è un falco, e ha addirittura una pagina Wikipedia a lui dedicata. E ogni mattina, per i 14 giorni dei Championships, si fa un giro per tutto l’impianto per far allontanare i piccioni, tanto affezionati soprattutto al tetto del Centre Court.

  • 9

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    Wimbledon è anche… fragole con panna. Assaggiandole si resta stupiti dal prezzo, non dalla bontà, ma restano un simbolo del torneo. Ogni anno ne vengono consumati 28.000 kg: stendendole una dopo l’altra si coprirebbe una distanza di 60 km.

  • 8

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    Una delle più vecchia partnership nella storia dello sport: quella fra i Championships e le mitiche palle con la pantera, le Slazenger, utilizzate addirittura dal 1902. Bianche fino all'85, gialle dall’anno dopo. Nel 2015 ne sono state consumate 54.250.

  • 7

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    La mitica “queue”, come la chiamano fuori dai Doherty Gates. Una tradizione, ancor prima che una coda per varcare i cancelli dell’All England Club. Fra tende, grigliate, pioggia (che da quelle parti non manca mai) e tanto tanto divertimento.

  • 6

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    Ecco, a proposito di pioggia, un’immagine suggestiva della copertura del Campo Centrale. Seppur dotato di tetto retrattile, per la chiusura servono circa dieci minuti, quindi il campo viene coperto comunque. Con una rapidità da 10 e lode.

  • 5

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    Da tradizione, dopo il successo e la conferenza stampa finale, il vincitore si affaccia dalla balconata del Centre Court per salutare e ringraziare i tifosi. Nel 2015 è toccato a Novak Djokovic, atteso da una valanga di appassionati e fotografi.

  • 4

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    La coda, le fragole, il falco, le palle e tutto il resto, ma soprattutto l’erba. Il vero fascino dei Championships sono i campi, specialmente nei primi giorni: verdissimi, precisi, in una parola: perfetti. E osservare con che cura li tirano a lucido è un piacere.

  • 3

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    Ormai si usano dappertutto i led elettronici, ma non a SW19. Usano gli stessi tabelloni da una vita, aggiornati rigorosamente a mano, con l’aiuto di una scala, match dopo match, per i “gentlemens” come le “ladies”. Se non son tradizioni queste…

  • 2

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    Le qualificazioni. Non all’All England Club, bensì al Bank of England Sports Ground di Roehampton. I giocatori non lo amano, ma per gli appassionati è oro, con oltre dieci campi tutti appiccicati, con giusto un paio di metri fra uno e l’altro. Goduria pura.

  • 1

    IL FASCINO DEI CHAMPIONSHIPS

    Negli anni dei trionfi di Andy Murray, prima a Londra 2012 e poi a Wimbledon, è diventata la Murray Mound, ma nel cuore degli appassionati sarà sempre la Henman Hill. Semplicemente, una collina dove trovarsi a tifare, respirando passione.

  • Federico Ferrero
  • Cino Marchese
  • Corrado Erba
  • Lorenzo Cazzaniga
  • Marco Caldara
  • Riccardo Bisti
  • Federico Ferrero

    SPECIALE PANATTA / L'INTERVISTA - Adriano parla del suo grande passato senza cadere nella nostalgia o nei rimpianti. Niente autocelebrazioni ("Anzi, le detesto"), alcuni aneddoti inediti e quello che non si stanca mai di raccontare: quello su Harold Solomon. "Ero e sono un miscredente, ma il mio Roland Garros 1976 era già scritto".
  • Cino Marchese

    SPECIALE PANATTA / CINO RACCONTA - Cino Marchese, uno dei più grandi manager della storia dello sport italiano, ci racconta Panatta, che ha seguito da vicino per tutta la carriera. Con una ricca serie di aneddoti.
  • Corrado Erba

    SPECIALE PANATTA / PICCOLI RITRATTI - Da chi ha vissuto l’epoca di Adriano e quello che gli girava intorno. Dalle pettorute parioline alle racchette mollate ad un attonito raccattapalle.
  • Lorenzo Cazzaniga

    SPECIALE PANATTA / IL DIREKTOR RICORDA - Nove piccole vicende che lo hanno legato in qualche modo ad Adriano Panatta. Dalle interviste col protagonista a quella volta che Dalla Vida…
  • Marco Caldara

    SPECIALE PANATTA / LE INTERVISTE - Ci siamo fatti raccontare il personaggio Adriano Panatta, e la sua importanza per il tennis italiano, dai suoi compagni dell'epoca nella storica Davis del '76. Dal capitano Nicola Pietrangeli al compagno di doppio Paolo Bertolucci, più Corrado Barazzutti e Tonino Zugarelli.
  • Riccardo Bisti

    SPECIALE PANATTA / IL POST CARRIERA – Ripercorriamo le vicende di Adriano Panatta da quando ha appeso la racchetta al chiodo: un grande successo come capitano di Coppa Davis, qualche punto oscuro come dirigente, fino alla cacciata dalla FIT per una faccenda di pagamenti illeciti che lo ha visto sempre perdente nelle aule dei tribunali.

Top stories

  • Quel magico concerto di Ellie Goulding

    Quel magico concerto di Ellie Goulding

    L’incredibile storia di Marcus Willis, eroe di Wimbledon 2016. Aveva già la valigia pronta per lavorare da coach negli Stati Uniti, poi a un concerto ha conosciuto l'attuale fidanzata, che l’ha spinto a riprovarci. E lui si è regalato il main draw ai Championships. Un sogno.

  • “Tutti uniti per l'Argentina”

    “Tutti uniti per l'Argentina”

    L'INTERVISTA – Daniel Orsanic, capitano della Davis argentina, deve ancora decidere la formazione da portare in Italia. Le paure per il doppio, il futuro del tennis argentino e le idee sulla durata di un capitanato.

  • 46 tornei in un anno. In camper.

    46 tornei in un anno. In camper.

    Gonçalo Oliveira ha 21 anni e da un paio gira l’Europa in camper col padre, dividendosi fra Futures (tanti) e Challenger (pochi), per inseguire il sogno top-100. “È impegnativo, ma non mi stanco mai”. Nemmeno dopo 27 tornei consecutivi.

  • Mala (tennis) Italia

    Mala (tennis) Italia

    TennisBest comincia una serie di inchieste per portare alla luce vicende che riguardano centri tennis vessati da situazioni difficili. Partiamo dal caso del Centro Sportivo Kennedy di Milano e del maestro Walter Bertini.
  • Per un pugno di dollari

    Per un pugno di dollari

    Quattro settimane vissute nel circuito Futures, dove si lotta per pochi punti ATP e la sopravvivenza economica, fra incordature fai da te, passaggi di fortuna, hotel a basso costo e l’eterno dilemma per il pranzo: ticket da 10 o da 15 euro?

  • Le regole del gioco

    Le regole del gioco

    In quanti hanno letto le 335 pagine dei regolamenti ATP? Noi lo abbiamo fatto e abbiamo scoperto un mucchio di curiosità. Un malloppo a volte ridondante, a volte lacunoso.

  • Povera Davis

    Povera Davis

    Il Gruppo 3 della Coppa Davis è un crocevia tra professionisti (pochi) e dilettanti (molto di più). Con storie curiose e straordinarie. Che siamo andati a scoprire nella Repubblica di San Marino.

  • Il Girone dell'Inferno

    Il Girone dell'Inferno

    Un giorno alle qualificazioni di Roland Garros. Dove un match può spalancarti le porte del Paradiso o rispedirti negli inferi. La frustrazione di baby Zverev, l'ammirazione per Sijsling, il tizio che studia i ballboys...e Arnaboldi meglio della Gioconda.

Storie italiane

  • La promessa (non più) nascosta

    La promessa (non più) nascosta

    Lorenzo Sonego, torinese, torinista, ragazzo di poch(issim)e parole, è cresciuto grazie all’ intuizione di coach “Gipo” Arbino che lo allena da quando aveva 11 anni: saranno i nuovi Seppi-Sartori?

  • Thomas Fabbiano, l'altro...

    Thomas Fabbiano, l'altro..."Fab"

    Thomas Fabbiano, classe 1989, è stato uno dei tre talenti su cui l’Italia aveva scommesso una decina di anni fa. Gli altri due sono dispersi: lui, il più minuto, ce l’ha fatta. Da solo, ha toccato il paradiso top 100. 

  • L'Italia che batte Roger Federer

    L'Italia che batte Roger Federer

    Non solo Seppi a Melbourne: nella sua vita, Roger Federer ha perso contro altri dieci tennisti italiani. Alcuni noti, altri sconosciuti. Li abbiamo scovati tutti, raccogliendo i loro ricordi.

  • La ricomparsa dei fatti

    La ricomparsa dei fatti

    Il 2015 ha segnato la lunga vicenda processuale sulle accuse di combine a Daniele Bracciali e Potito Starace. Dopo una dura battaglia, i due (soprattutto Starace) se la sono cavata. Ma forse non è ancora finita.

  • Il biologo che sfida i Top-100

    Il biologo che sfida i Top-100

    A 30 anni, con una laurea in biologia molecolare, un’associazione sportiva, alcuni allievi e un grande sogno, Francesco Borgo si è trovato a esordire in un Challenger contro Stakhovsky. E ha fatto un figurone.

  •  The Great (Italian) Hope

    The Great (Italian) Hope

    Matteo Donati, 20 anni e un mix di ambizione ed equilibrio. Guidato da coach Massimo Puci a Bra, siamo andati a vedere come si prepara la miglior speranza del tennis italiano...

  • Forever young

    Forever young

    La storia di Angelo Sala. Italiano, 88 anni, numero 1 al mondo over 85 dopo aver sconfitto un paio di tumori, con la vitalità di un ragazzino. E ha cominciato a giocare a 70 anni, per caso, dopo una vita intera sui campi da calcio.

  • New Balls, Please

    New Balls, Please

    Gianluca Mager è uno dei nostri migliori talenti che sembrava perso tra problemi adolescenziali e poca voglia di soffrire. Poi gli interventi di Diego Nargiso e Mauro Iguera hanno ridato (tanta) speranza.

SPM S.r.l.
Redazione
Via Bernabò Visconti 18
20153 Milano
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Cookie policy | Privacy policy
Copyright 2016 tutti i diritti sono riservati
CF, Partita IVA e iscrizione al Registro delle imprese di Milano n° 08120240968
LE NOSTRE INIZIATIVE

TENNISBEST APP
TENNISBEST MAGAZINE
TENNISBEST CONTEST
THE PLAYBOOK
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.
Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione e bloccare i Cookie, consulta la nostra informativa.